In caso di disservizi telefonici, qual è la prima cosa da fare per sapere se la compagnia mi deve un rimborso o un risarcimento?

Innanzitutto devi capire se hai diritto al risarcimento. Per i non addetti ai lavori spesso non è cosa semplice. Senza avere accesso alle banche dati su casi analoghi e senza il know-how legale è difficile stabilire il risarcimento e, in particolare, ottenerlo dalla compagnia telefonica.

Consulta le nostre sentenze per trovare un caso simile al tuo e mandaci la tua richiesta. 

Conserva i documenti (contratto, fatture, ecc.) e contattaci mediante il form presente sul sito. Ti forniremo riscontro nel più breve tempo possibile e, se ci sono i presupposti, potrai decidere di avviare una procedura di rimborso gratuita.

Cosa farete in concreto per ottenere il risarcimento?

La nostra attività consiste nell'inviare una lettera di reclamo e/o messa in mora; in caso di mancata o negativa risposta della compagnia telefonica; nel successivo esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione presso il Comitato Regionale per le Comunicazioni (Co.Re.Com) territorialmente competente o altro organismo ADR di cui all'articolo 141 del Codice del consumo; in caso di ulteriore mancata o negativa risposta della Compagnia telefonica, nella predisposizione e notifica alla stessa di un atto di citazione o equipollente solitamente per il Giudice di Pace territorialmente competente.

Devo venire direttamente a firmare il mandato presso i vostri studi?

No, sarà sufficiente firmare il mandato e rispedirlo, per posta prioritaria, presso l’avvocato domiciliatario o studio legale affidatario della tua pratica. Potrai inoltre trasmettere la restante documentazione telematicamente.

Chi parteciperà alle udienze? Dovrò comparire dinanzi al Giudice?

Alle udienze parteciperemo noi così come, sempre noi, ci occuperemo di tutti gli aspetti burocratici e della predisposizione di tutti gli atti difensivi, pertanto non ci sarà alcun bisogno che tu partecipi alle udienze.

Quanto può durare la procedura di rimborso?

I tempi di definizione variano da pratica a pratica in base alle particolarità della stessa ed a fattori indipendenti dal nostro controllo (riscontro dell’operatore, tempi burocratici o giudiziali, ecc.), pertanto, per la professionalità che ci contraddistingue da sempre, non ci sentiamo di potervi dare una tempistica ben precisa. Ogni caso è singolare, ed i tempi della burocrazia possono variare. Ad ogni modo, in virtù della nostra esperienza, vi diciamo che, mediamente, l’attesa si aggira intorno a qualche mese per quasi tutte le casistiche che trattiamo. In ogni caso vi informeremo sull’esito del nostro reclamo e sullo stato della pratica.

Una volta attivata la procedura, è inevitabile il Giudizio dinanzi al Giudice di Pace?

No; è possibile come spesso accade che, una volta notificato l'atto di citazione alla compagnia telefonica, la stessa decida di contattarci e di offrire una somma di denaro, comprensiva del rimborso che ti spetta e delle nostre spese legali, per chiudere bonariamente la vicenda evitando così il giudizio. Ovviamente, valuteremo insieme la congruità dell'offerta e l'opportunità di accettare o meno la proposta transattiva.